Confessioni di un consulente IT

Venticinque aprile duemilaundici

Posted in Italia, Zeitgeist by pigreco314 on 27 aprile, 2011

Posto in ritardo ma dovevo scrivere qualcosa sulla stucchevole polemica che ogni anno si ripete sul significato del venticinque aprile, il giorno in cui si commemora la liberazione dell’Italia dai nazifascisti grazie alla lotta dei partigiani della Resistenza e all’invasione alleata.
Sono stufo di questo blaterare a vanvera sul rispetto dei caduti che vi furono da entrambe le parti, dei giovani fascisti che in fondo sono morti credendo in un ideale.

Curiosa questa attribuzione asimmetrica di un valore sacrale all’Ideale: non credevano forse in un Ideale i comunisti totalitari che massacrarono, imprigionarono, torturarono, plagiarono generazioni di innocenti? Non si dovrebbero giustificare anche questi crimini nel nome dell’Ideale?

Chi in Italia si fece abbindolare dall’ideologia fascista che produsse nel nostro Paese le leggi razziali, gli assassinî politici, l’antisemitismo, l’alleanza con il nazismo, il colonialismo d’accatto, l’entrata in guerra, l’eccidio delle Fosse Ardeatine era conformista, opportunista, pazzo scriteriato o forse solo coglione e se c’è un valore in quelle morti è che oggi abbiamo un bel po’ di conformisti, opportunisti, pazzi e coglioni in meno in circolazione.

Bill Hicks

Posted in Satira by pigreco314 on 24 aprile, 2011

Bill Hicks

Ho scoperto Bill Hicks qualche settimana fa e senza averlo mai conosciuto mi manca moltissimo.

Era uno “stand-up comic”, scomparso prematuramente il 26 febbraio 1994 portato via da un cancro al pancreas a soli 33 anni.

Qualità sopraffina dei testi, grandissimo controllo della voce e della mimica facciale, sul palcoscenico armato solamente di un microfono teneva il pubblico inchiodato alle poltrone per oltre un’ora di elettroshock verbale durante il quale cercava di trasmettere un solo semplicissimo messaggio: pensate con la vostra testa (lui avrebbe probabilmente detto “pensate con la vostra fottuta testa”).

Svariati i temi dei suoi monologhi:politica, sesso, religione, droghe, pornografia, guerra, conformismo.

Su YouTube si trova parecchio materiale, incluse registrazioni complete dei suoi spettacoli con sottotitoli in italiano, fintantoché non vengono ritirate per violazione dei diritti.

Molti di questi link probabilmente non funzioneranno più molto presto, ma vi consiglio: le tre parti di One Night Stand (1, 2 e 3), Revelations e Relentless.

Molto bello il documentario sulla vita di Bill Hicks, The Bill Hicks Story, splendidamente realizzato utilizzando animazioni di immagini statiche. Non si trova più su YouTube (a parte i trailer) ma si può sempre acquistare su amazon per esempio.

Chiudo con un pezzo a caso preso dal suo vasto repertorio, una formidabile e cinica rappresentazione di cosa accade a ogni nuovo Presidente eletto negli USA:

A prescindere da tutte le promesse che puoi aver fatto in campagna elettorale, quando vieni eletto Presidente sei invitato in una oscura stanza fumosa insieme a 12 industriali, finanzieri e capitalisti bastardi: uno schermo scende e viene proiettato un filmato dell’assassinio di Kennedy da un’angolazione mai vista che sembra proprio ripreso da quella famosa collina erbosa. Lo proiezione finisce, lo schermo si alza, si accendono le luci e quelli chiedono al nuovo Presidente: “Ci sono domande?”

Qui sotto il pezzo tratto da Youtube:

Tagged with:

Frasi immortali

Posted in Italia by pigreco314 on 18 aprile, 2011

Sono sempre sensibile alle testimonianze di chi crede profondamente nel proprio lavoro.

Al Festival Internazionale del Giornalismo svoltosi a Perugia la scorsa settimana, Corrado Formigli intervista Milena Gabanelli.

Tra le altre cose Formigli chiede alla Gabanelli cosa abbia pensato nel sapere che mentre il suo stipendio è di 150mila euro lordi all’anno, Vittorio Sgarbi pare guadagnerà tra i 100 e i 200mila euro a puntata per il suo programma.

Risposta:”Io ho pensato che faccio un mestiere che mi piace e mi pagano pure”.

Non aggiungo altro.

A proposito della puntata di Report “Il prodotto sei tu”

Posted in Cultura, Internet, Italia, Tecnologia, Zeitgeist by pigreco314 on 12 aprile, 2011

Viewzi on Facebook by Giovanni Gallucci

La puntata di Report andata in onda lunedi 10 Aprile 2011 ha creato parecchio subbuglio in Rete.

Chiarisco subito la mia posizione e dico che a mio parere la redazione di Report ha fatto di nuovo un ottimo lavoro.

Il tema del servizio principale della puntata intitolato “Il prodotto sei tu” è riassumibile con: privacy e sicurezza nell’era dei social network. In realtà i sotto-temi trattati erano parecchi: l’uso che Facebook fa dei dati personali degli utenti, il business model di Google AdSense, i diritti di utilizzo dei contenuti multimediali postati su YouTube, la sicurezza delle reti wireless, WikiLeaks, la pirateria e la violazione dei diritti d’autore e mi sa che ne ho pure scordato qualcuno.

Mentre la puntata andava in onda seguivo lo stream di messaggi su Twitter. Riassumo qui sotto le critiche che ritornavano più frequentemente e che sono state ribadite sui blog, forum e siti specializzati (accanto a un numero pressocché equivalente di commenti a difesa della trasmissione) nei quali, in estrema sintesi, si accusa Report di aver sparso FUD sui social network, su internet, su google, facebook e compagnia.

Critica #1: la puntata è stata un gran minestrone di argomenti toccati in maniera superficiale

Che la puntata abbia riguardato parecchi argomenti è un dato di fatto, ma sul “minestrone superficiale” non sono assolutamente d’accordo. Si può discutere sulla scelta redazionale di far confluire così tanto temi in una sola puntata ma l’autrice del servizio (Stefania Rimini) a mio parere ha svolto un eccellente lavoro di sintesi presentando aspetti diversissimi del mondo dei social network e di Internet in maniera organica e coerente. Circa la superficialità, vorrei far notare che quando si è parlato di sicurezza si è menzionato Firesheep, un plugin di Firefox che opera su reti wifi aperte e “sequestra” sessioni autenticate non protette da https, consentendo a chiunque di impossessarsi del vostro account Facebook, Google, Twitter a meno che non abbiate preso le opportune precauzioni. I saccenti di Wired, rivista che mi risulta essere soprannominata “La Bibbia Di Internet” e che in risposta alla puntata di Report hanno pubblicato un editoriale assai caustico a firma di Matteo Bordone, hanno deciso di occuparsi del tema Firesheep in un numero esorbitante di articoli: ben 2 (due).

Oggi Matteo Bordone si decide a pubblicare una critica un po’ meno sguaiata ma che di nuovo è ipergenerica e non entra mai nel merito. Provaci ancora Matt, sarai più fortunato.

Critica #2: si è fatto del terrorismo psicologico

Tanto per cominciare, parlare di Firesheep significa fare terrorismo psicologico?

Quanti tra coloro che hanno rivolto questa critica hanno letto con attenzione il documento contenente i Termini e le Condizioni del servizio offerto da Facebook ? Sicuramente a lor signori non sarà sfuggito il paragrafo in cui si dice che qualunque cosa essi pubblichino sul proprio profilo Facebook diventa di proprietà di Facebook e che a quest’ultima venga conferito il diritto di cedere tali contenuti a terze parti, anche dietro compenso e senza obbligo di informarne l’autore.Vero? Bene, se ne siete al corrente continuate pure a usare Facebook e vivete in pace e in caso di problemi rivolgetevi pure al tribunale della contea di Santa Clara.

Così come il sottoscritto continuerà a usare gmail ben sapendo che mentre leggo la mia posta privata, un algoritmo in esecuzione da qualche parte nella google cloud la legge insieme a me, selezionando annunci pubblicitari correlati con il contenuto del mio messaggio e presentandoli in un pannello laterale assai poco invasivo. Qual è il problema? D’altra parte è solo un algoritmo senza cervello che accede alla nostra posta privata, non una persona fisica.

Il punto non è questo.

Il punto è che dobbiamo FIDARCI del fatto che Google o qualunque altro service provider su cui transita la nostra posta non vada mai a ficcare il naso nella nostra corrispondenza privata o che non faccia qualcosa di ancora più subdolo: per esempio limitarsi a monitorare le query che l’algoritmo esegue sui database degli annunci pubblicitari di google e creare un profilo del mio account sulla base delle parole chiave ricercate. Fare questo non richiede nemmeno accedere al contenuto della mia posta e non so nemmeno se è esplicitamente vietato dalle condizioni del servizio Gmail.

Di sicuro fidarsi di GMail sarebbe un pelino più facile se fossero implementati in maniera nativa meccanismi come PGP che ci farebbero guadagnare un bel po’ di sicurezza a scapito di un bel po’ di comodità mobile. A proposito, che fine ha fatto quel progettino?

L’importante è sapere quali sono i limiti della nostra privacy e decidere consapevolmente di rinunciarvi in parte in favore della comodità di accedere alla nostra posta dal PC di casa, da un iPhone, dal Blackberry, dall’Internet Cafè più sperduto.

Per lo meno, come suggerito dal servizio di Report, abilitiamo HTTPS ogni qualvolta sia disponibile: il traffico tra server e browser sarà criptato e saremo al sicuro da Firesheep. E usiamo password un po’ più sicure di “pippo123”.

Tutto ciò significa fare terrorismo? Io dico che è fare informazione e servizio pubblico, nella consolidata tradizione di Report.

Aggiungo che Stefania Rimini non si è limitata a parlare dei rischi connessi con le attività online ma ha parlato dei meriti che Twitter e Facebook hanno avuto e hanno tuttora negli eventi che hanno sconvolto il Nord Africa e di come hanno consentito a un’associazione del Ferrarese di raccogliere 12mila euro per rifare il pavimento dell’oratorio parrocchiale.

Critica #3: sveglia ragazzi, Facebook non è il mondo reale!

Qualcuno ha criticato il passaggio in cui una ragazza descriveva un gioco online di Facebook (CityVille), accusandola di lamentarsi di dover pagare con soldi reali per poter continuare a giocare, bollandola come bimbaminkia e invitandola a trascorrere un po’ più di tempo nel mondo reale. Innanzitutto basta rivedersi il filmato per rendersi conto che questa ragazza tutto faceva tranne che lamentarsi di dover sganciare denaro per giocare su Facebook.

In secondo luogo, forse è il caso di fare un corso di aggiornamento: il mondo digitale sta diventando sempre di più il mondo reale. Certo, non nel senso che chattare o giocare per ore su Facebook offra la stessa esperienza di una splendida gita in campagna con gli amici. Ma vi invito a riflettere sul fatto che fare commenti inappropriati sull’immagine digitale di una persona, per esempio il suo account Facebook, equivalga a diffamare la sua immagine pubblica di fronte all’intera platea di utenti Facebook, qualche centinaio di milioni di persone.

Siete ancora convinti che il mondo reale sia “là fuori” ?

Le mie critiche

Alcuni passaggi tra un argomento e l’altro del servizio erano deboli. Per esempio quello in cui viene introdotto il tema dei video virali in cui Stefania Rimini dice “[…] se le aziende si accorgono che che la gente rimpiange la vita autentica, postano un video come questo che diventa virale e lo vede un milione di persone”, un’affermazione  abbastanza insensata.

Altri argomenti potevano essere convenientemene approfonditi con una sola domanda. Per esempio, alla signora che pubblica un video di sua figlia su YouTube e si lamenta che lo stesso video venga trasmesso su un programma di Italia Uno (in violazione dei termini stabiliti da Google per l’utilizzo dei contenuti, per inciso) andava chiesto:”Signora, ci aiuti a capire perché le crea problemi che il video di sua figlia venga visto in televisione e le sta bene che il medesimo contenuto sia a disposizione di una platea assai più ampia come quella gli utenti di YouTube”.

Nel passaggio in cui un tizio racconta dell’avvenuto furto del proprio account google e riconosce di aver usato una password molto debole, Stefania Rimini sostiene che le credenziali dell’utente sono state sbirciate nonostante fossero trasmesse su una connessione protetta: una conclusione in conflitto con il racconto del protagonista e priva di fondamento. Se le cose fossero andate così, andava per lo meno spiegato come cautelarsi.

Infine, il doppiaggio in alcuni punti era forse troppo carico di espressione e finiva con il trasmettere un sovra-messaggio che poteva arrivare a distorcere quello verbale. Segnalo la scelta di doppiare il rappesentante di Facebook con la voce Roberto Pedicini, ossia il doppiatore di David Brent (Ricky Gervais) nella serie The Office. Un caso? 😉

Morale e consiglio

Ritengo gran parte delle critiche rivolte alla trasmissione di Milena Gabanelli alla stregua di manifestazioni di fastidio, come quelle di chi vede giungere nel proprio club privato gente che non ritiene avere i titoli per accedervi e dico questo perché molte di queste critiche non entrano mai nel merito del servizio di Stefania Rimini e si limitano a darne giudizi sommari, superficiali spesso lunghi quanto un twit.

Riconosco invece alla puntata il merito di avere gettato un bel fascio di luce sul tema della privacy digitale nei confronti di corporations per le quali il più delle volte non siamo Clienti ma semplice Pubblico e come tale in grado di vantare molti meno diritti. Tra cui uno, in particolare, fondamentale: disattivare il proprio account.

Quindi promuovo il servizio “Il prodotto sei tu”, Stefania Rimini, Report, Milena Gabanelli e boccio senza appello i critici a corto argomenti.

Detto questo, ho un suggerimento da dare alla Gabanelli: Peter Sloan è molto simpatico, però magari nella prossima serie di Report in aggiunta alle lezioni di conversazione e pronuncia inglese, non ci starebbe male una rubrica in coda alla trasmissione per approfondire i moltissimi temi presentati nel servizio di domenica scorsa.

Bollette non pagate #2

Posted in Paradossi fiscali, Storie Aziendali by pigreco314 on 9 aprile, 2011

Da ieri le linee telefoniche dell’ufficio non funzionano perché Telecom ha sospeso il servizio.
Pare che abbiamo saldato una bolletta pagando un importo erroneo e a dispetto di svariati solleciti alla nostra efficientissima contabilità d’oltreoceano non è stato effettuato un conguaglio di 113 euro. Evidentemente negli Stati Uniti non esiste il concetto di RID bancario.

Ho avuto la bella sorpresa ieri pomeriggio quando ho composto il numero per collegarmi alla conference call settimanale e una voce femminile mi ha informato che la linea era sospesa per motivi amministrativi.

Dal quartier generale USA mi è arrivata la copia scansita del bonifico effettuato in fretta e furia con la preghiera di inviarlo urgentemente via fax all’ufficio competente di Telecom.
Mi sono trattenuto dal rispondere una delle due (o entrambe):

  1. Come diavolo faccio a spedire un fax se la linea telefonica è sospesa?!
  2. Don’t you have fax machines down there, Guys?! Aspettate, ho capito: non vi è chiaro come spedire un fax a un numero italiano,ok.

Ho finito le mie cosucce, sono tornato a casa e lo spedito da lì.

Ci sarebbe un modo per risolvere questi problemi contabili una volta per tutte e cioé mettere alla prova il nostro Quality System, aprendo formalmente un’indagine per mancata osservanza di una procedura contabile e vedere cosa succede.

Quasi quasi lo faccio.

UpdateIl lunedi le linee telefoniche funzionavano di nuovo. Il problema tecnico è risolto, la scarsa considerazione per la gestione della contabilità permane,immutata.