Confessioni di un consulente IT

Coccodrillo

Posted in Management, Persone, R.C., Storie Aziendali by pigreco314 on 7 maggio, 2008

~~ Born Wild… ~~
Originally uploaded by Blueju38.

Ne ho dette ormai tante su R.C. che a perseverare mi sembra di sparare sulla crocerossa specialmente in un post commemorativo come questo.

No, non è defunto: dopo più di 20 anni nella nostra organizzazione, si sposta di un paio di segmenti di mercato e va a dare una mano a M.P., suo (e un tempo nostro) vecchio capo storico.

Insomma, ci lascia.

La notizia, annunciata in un memorabile team meeting di cinque mesi fa, ha creato negli astanti un’onda d’urto dell’intensità di ben 5.6 picotons e della durata circa 23 secondi.

Certo, l’impatto sulle prime è stato forte. Ma lo paragonerei più che altro alla perdita improvvisa di una consolidata abitudine, talmente radicata da diventare parte di noi senza che ce ne rendiamo conto ma che non ci sconvolge la vita se viene a mancare. Un po’ come quando un giorno, uscendo di casa la mattina per andare a lavorare, in una fredda giornata di novembre, fermandoci alla solita edicola si scopre che il giornalaio è cambiato e da oggi un nuovo volto ci augurerà il buon giorno, mani sconosciute ci allungheranno la copia del nostro quotidiano preferito.

Dal giorno seguente, vi sembrerà di conoscerlo da una vita.

Il primo a essere sorpreso di questa apparentemente fulminea elaborazione del lutto è stato forse proprio R.C.: secondo me si aspettava di vedere gente scaraventarsi giù dalle finestre, strapparsi i capelli, cavarsi gli occhi, darsi alla vita monastica. In realtà si potevano quasi udire le meningi al lavoro di chi provava a valutare i possibili sviluppi professionali della propria carriera. Un grande buco nero nell’organigramma si era appena aperto e nel colmarlo si sarebbero aperti nuovi spazi.

Che bilancio fare del suo mandato pluridecennale? Almeno una cosa buona l’ha fatta: mi ha assunto.

Scherzi a parte, molte persone che ritengo valide sono nella nostra organizzazione anche per merito suo. Da qualche tempo ha perso però il tocco: gli ultimi acquisti non sono proprio fulmini di guerra.

Odiato da molti per l’innata incapacità di fare gruppo: quelli giunti al limite e con scarse capacità di sopportazione se ne sono andati. Altri il gruppo se lo sono creato.

Sarà ricordato come Il Grande Esecutore, il geometra delle strategie partorite dalle mente di architetti che stavano sopra di lui, nella stanza dei bottoni. Senz’altro un grande esperto di tattica che il più delle volte consisteva nella preparazione e messa in circolazione di un foglio excel.

Grande lavoratore, il prototipo del workaholic. Dopo il decollo, appena raggiunta la quota di crociera, era sempre il primo passeggero sull’aereo ad aprire il suo laptop e a passare in rassegna la posta elettronica. Sapevi che aveva viaggiato in aereo quando ricevevi una raffica di email a distanza ravvicinata, la maggior parte delle quali recanti un file excel in allegato. Qualcuno aveva preso a dargli dello spammer.

Spesso il timestamp dei suoi messaggi rivelava una sporadica tendenza all’insonnia, ma in questo c’è chi lo ha surclassato.

Più saliva nella gerarchia e più se ne evidenziavano le lacune. Al di sopra di un certo livello devi infatti dimostrare di sapere svolgere un ruolo più articolato di quello che potrebbe essere reso da una macro excel (l’ho appena scritto e già non ne sono più così sicuro).

Mi ha sempre colpito la sua scarsa attenzione al proprio sviluppo professionale. Penso sia uno scarso lettore di libri, non gliene ho mai sentito citare uno. Le sue citazioni erano copia e incolla da altri. Mi ricordo di quella volta che in una delle tradizionali presentazioni di inizio anno in cui devi dare la carica a una intera organizzazione (europea), aveva copiato tale e quale la slide introduttiva del gran capo americano consistente in una citazione di un famoso allenatore di squadra di baseball, sport notoriamente molto praticato in Europa: nemmeno uno sforzo per adattarla al contesto culturale del Vecchio Continente.

Pessimo comunicatore. Non dimenticherò le smorfie alquanto maldestre, con occhi roteanti e lingua mulinante, su un palco di fronte a una larga platea di clienti internazionali a causa di un effetto Larsen un po’ fastidioso del microfono. Di certo non fu mai istrionico, decisamente mancante di carisma. Scarso affabulatore, ampolloso nella sintassi, soporifero, capace di indurre l’ascoltatore in uno stato catatonico: devo riconoscere che con questa tecnica è uscito vincente da qualche difficile negoziazione.

Una volta ci litigai in pubblico e me ne pentii perché non diedi un bello spettacolo, ma tuttora penso che all’epoca avessi ragione sul punto.

Paradossalmente molto influenzabile, ma a livello subliminale: conta all’americana, cioè partendo dal mignolo. Di ritorno dai viaggi in USA di solito sfoggiava ossessivamente una nuova buzzword. L’ultima è stata “lumpy business” e molti di noi ancora si chiedono cosa diavolo voglia dire (google?)

Sempre molto forte nel networking anche se scarsamente messo a disposizione degli altri, più spesso utile a sé stesso.

Non gli perdonerò mai il tentativo di far deragliare un riconoscimento che intendevo conferire a una persona del mio team la quale, pur essendo soggetta a improvement plan a causa degli scarsi risultati dell’anno precedente (in parte dovuti a prolungata assenza per malattia) e sebbene non avesse ricevuto alcun aumento di stipendio (pianse quando glielo comunicai), si trovò a gestire un progetto che risultò essere quello a più elevata fatturazione nel trimestre in Europa e portò più che degnamente a conclusione nonostante parecchie difficoltà.

Motivo del diniego: essendo questa persona sottoposta improvement plan, nel caso in cui l’esito fosse stato infausto e avesse portato al suo licenziamento, l’interessata avrebbe potuto far valere quel riconoscimento per negoziare una ricca buona uscita. Il che dimostra quanto furbescamente perverso o perversamente furbo sia R.C., subdolo o semplicemente terribilmente micromanager

Come avrei voluto che chiamandomi per discutere della cosa mi avesse semplicemente chiesto: “Ne sei convinto? E allora vai avanti, mi fido del tuo giudizio”.

Minacciai di abbandonare il mio ruolo di team leader (noooo! non le dimissioni, non sono tanto cazzuto) se non si fosse dato seguito alla mia richiesta di premiare chi ritenevo un asset dell’organizzazione, soprattutto di fronte ad argomentazioni così meschine. Risultato: il performance improvement plan fu cancellato e il riconoscimento conferito, anche a seguito della mediazione del mio capo di allora (H.G., oggi in tutt’altre faccende affaccendato ma sempre tra noi). Una delle poche cose di cui vado fiero.

Tuttavia, non si può certo mancare di sottolineare che è anche per merito suo se i conti europei sono sempre stati migliori di quelli americani durante il suo regno. E questo ha la sua importanza. Se la sua mente avesse partorito più idee che spreadsheet, saremmo anche più avanti, ne sono certo.

Tra poco quindi R.C. lascerà la sua presa soffocante, come l’ha definita il collega americano A.J. (detto Ace Ventura per il taglio di capelli non convenzionale): un commento che non mi sarei mai aspettato da Ace, che ho sempre ritenuto lontano anni luce dalla cose europee.

Di questi tempi lo si sente dire che “dopo di me, il diluvio!”.

Molti non vedono l’ora di poterlo smentire. Auguro loro di riuscirci perché tra quelli ci sono anch’io.

Comunque, anche a te, R.C. che rimani alla fine un buon diavolo:

Buona Fortuna e Buon Cammino

Ah, scusa, prima di andare ricordati di recuperare quei fogli excel che hai mandato in stampa.

Il problema di R.C.

Posted in R.C., Storie Aziendali by pigreco314 on 6 febbraio, 2007

…è che non sa ascoltare.

Un po’ grave per un manager nella sua posizione.

Full contact

Posted in R.C., Storie Aziendali, Trasferte by pigreco314 on 13 dicembre, 2006

Domani a Londra con il capo R.C.: incontro all’Institute per una questione di fatture non pagate.

Ho deciso di adottare un basso profilo, una tattica attendista, un approccio neutro.

Questo scheletro non arriva dal mio armadio e non ho nessuna intenzione di gestirlo in prima persona: ho altri problemi, altri scheletri che tengo a bada personalmente.

Il venditore inglese che riportava a R.C. se n’è andato e ora spetta a lui risolvere il problema.

Non guidare la discussione, parla solo se interpellato, non prendere impegni, sii vago.

E speriamo di sbrigarcela in fretta anche se già mi girano al pensiero di buttare via una giornata per due o tre ore di riunione.

Mi porterò la macchina fotografica: Londra manca alla mia lista.

Aggiornamento 15/12/06:

Fosse stato per il capo R.C. avremmo sbagliato indirizzo e girato attorno alla questione. La posizione della controparte è poco difendibile visto che hanno firmato un pezzo di carta in cui accettavano il piano di lavoro e le consegne. Ma si sa, i clienti vogliono che gli si lisci il pelo e quindi dovremmo qualche concessione. Il bilancio della giornata è di 1000€ (tra volo, taxi, treno, pappa) per 90 minuti di riunione e non è niente male. E poi i clienti si lamentano perché costiamo troppo. Risulta abbastanza evidente come il business inUK fosse in mano a pazzi scatenati che per fortuna se ne sono andati, mai troppo presto. A proposito, il capo R.C. da Londra si è recato a Manchester per intervistare il candidato Sales che sostiutisca il recente fuoriuscito: speriamo che ne trovi uno giusto perchè di recente non è stato molto fortunato.

Fusione tiepida

Posted in R.C., Storie Aziendali by pigreco314 on 7 dicembre, 2006


Fusion
Originally uploaded by rowelsky.

Il capo R.C. sostiene di avere fatto progressi nello sviluppo di una partnership più articolata con Oracle (sono già nostri partner, ma chi non è partner di Oracle oggigiorno) e organizza un workshop per valutare sia dal punto di vista commerciale sia da quello tecnico come sia possibile integrare il nostro prodotto con… Oracle Fusion Middleware.

Ora, premesso che non so cosa diavolo sia OFM e dopo mezz’ora spesa a girovagare su oracle.com ne so meno di prima, la domanda è: ma dove vogliamo andare?
Ovvero, mi sarei aspettato un approccio del tipo: “Il nostro prodotto manca di questo e quest’altro e Oracle Fusion può aiutarci a espandere la nostra offerta di software a servizi e generare più business in quest e quest’altro modo, blah”.

Zero. Nada.

Il mio collega P.C. si ritrova a gestire il workshop commerciale (al quale tra l’altro ha aderito entusiasta pur confessando candidamente di non sapere nulla nemmeno lui di OFM) , e il sottoscritto guiderà quello tecnico senza conoscerne al momento gli obiettivi ultimi.

Ora, non voglio apparire prevenuto ma secondo me c’è ben altro processo di Fusion in corso e riguarda probabilmente materia organica di colore grigiastro localizzata nella parte superiore del corpo umano.

Mi sorprendo un po’ a pensare che un tempo avrei aderito a un’iniziativa come questa con grande entusiasmo mentre ora misuro tutto in maniera molto più critica e disincantata.

Sarà che comincio a essere un po’ stanco delle trovate di R.C. che si rivela sempre di più un manager incapace di costruire una visione, di definire una strategia per uscire dalla crisi e appare brancolare nel buio.

Ma insomma a che a@@o ci serve ‘sto Oracle Fusion???

Complimenti

Posted in R.C., Storie Aziendali by pigreco314 on 2 novembre, 2006

Questa è quasi da “Perché mi rallegro”: R.C. si è complimentato con i servizi professionali per i risultati del primo mese di questo trimestre, perfettamente in linea con il forecast.

E non ha potuto esimersi dal riconoscere che ora è bene che i Sales si diano una mossa visto che il totale di prodotti venduti nei primi trenta giorni del quarto fiscale non raggiunge nemmeno la strabiliante cifra di 10mila USD. Più o meno il 3 percento del piano. Un risultato da economia postbellica.

Attendiamo di conoscere da R.C. cosa intende fare con il suo team di vendita per porre rimedio a questa situazione.

Q1

Posted in R.C., Storie Aziendali by pigreco314 on 3 ottobre, 2006

Il primo trimestre fiscale si è chiuso.

Per i Servizi Professionali è andato bene: una stupida nota di credito ai Tedeschi non ci ha consentito di raggiungere il piano ma abbiamo centrato il forecast alla grande.

Rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso: +30% in ricavi.

Vediamo se R.C. troverà comunque qualche pretesto per criticare l’operato dei Servizi Professionali.

Secondo me sì: venerdi c’è la teleconferenza.

“Siamo tutti sulla stessa barca!”

Posted in Meeting, Persone, R.C., Storie Aziendali by pigreco314 on 28 luglio, 2006


Originally uploaded by seaan.

…disse il capitano salutando l’equipaggio dal molo.
Questo il risultato del tentativo del capo di passare l’immagine di un gruppo organizzato con un unico obiettivo e determinato a raggiungere la meta.
Dicevo nel post precedente del meeting di Barcellona. Una grande opportunità sprecata. Un meeting indetto per riflettere e in parte celebrare i risultati dell’anno fiscale appena concluso e darci la carica per gli obiettivi del prossimo.
Risultato: una pubblica lite con il commander in chief, una fastidiosa depressione e la certezza di avere buttato via tre giorni.
L’evoluzione dell’atteggiamento del boss, se da un lato è preoccupante, dall’altro è uno studio interessante per gli spunti di riflessione che offre:

Tattiche utilizzate:

  • Far girare a vuoto i collaboratori: lanciarli in imprese senza senso e smontare i risultati finali
  • Stare sempre e comunque sulla difensiva: insinuare il sospetto che commenti e opinioni abbiano un secondo fine
  • La cortina fumogena: sviare il tema della discussione, agganciarsi ad argomenti irrilevanti, falsificare i dati storici
  • Il binocolo rovesciato: mai affrontare i temi alla radice, volare alto, parlare di strategie, di sinergie, di metodologie.
  • Le scatole cinesi: prepararsi 100 obiezioni alle tue proposte ma citarne solo 10. Al prossimo giro, tirarne fuori altre 10 e così via.

Alla fine ho perso il controllo: sono sbottato, ho detto quello che pensavo e me ne sono sceso fuori dall’albergo a fumare una sigaretta.
Mi ha raggiunto il mini-boss olandese. Pensavo mi dicesse, “Datti una calmata”. Mi ha detto: “You are my hero”.
Ok, ormai non lo sopporta nemmeno lui.

Aggiunta postuma :durante il meeting mi rendo disponibile per una iniziativa che punta a sviluppare un progetto di collaborazione con il nostro partner Oracle. La cosa si materializzerà tra 5 mesi. Scusate, “materializzerà” è un’espressione un po’ forte. “Diventerà meno evanescente” tra 5 mesi.