Confessioni di un consulente IT

Cicciopasticcio #1: le origini

Posted in Persone, R.B., Storie Aziendali by pigreco314 on 14 marzo, 2007

Questo argomento richiederà alcune puntate per essere trattato in maniera esauriente.

Riguarda i guasti che si possono produrre tentando di implementare una strategia e modellare una organizzazione aziendale sulla base di principi nei quali non si crede fermamente e che non vengono propagandati in maniera convincente dal top management.

Un po’ come il leggendario Jack Welch, fautore ed evangelizzatore in General Electric della teoria e pratica Six-Sigma, e del suo successore Jeff Immelt: anch’egli credeva in Six-Sigma come il suo illustre predecessore ma non continuò nell’opera evangelizzatrice e non perseverò nel citare Six-Sigma in ogni suo discorso. Il grado di aderenza alle procedure decadde perchè la gente non pensava più che quella fosse la direzione in cui l’azienda voleva andare e smise di crederci aspettando la prossima grande idea del top management.

R.B., a.k.a. Cicciopasticcio, lavora con noi da ormai 3 anni. È tedesco ma porta un cognome che suona francese in modo dannatamente sospetto. Prima che la sua strada incrociasse la nostra, lavorò per una società che si occupava di speech recognition. Fallita. Succede.
Fu l’artefice (anche se a posteriori sarebbe meglio dire “spettatore”) della rivoluzione copernicana che ha portato la nostra organizzazione a dotarsi di un PMO, ovvero un Project Management Office, mutuato dalla dottrina del Project Management Institute.

Gli storici dateranno l’inizio di questa rivoluzione qualche mese addietro, a partire dall’ingresso nella stanza dei bottoni d’oltremare dell’incommensurabile General Manager B.v.H., la catastrofe umana, noto come teflon man per la sua incredibile capacità di sottrarsi a qualunque tipo di responsabilità. Non gli riuscì di sfuggire alla più grande di tutte, per la quale fu giubilato da un pesce molto più grande di lui (dilapidò una quantità innominabile di denaro per un prodotto che non vide mai compiutamente la luce e non realizzò il sogno della Grande Porta).

Un tipo molto fumo e nessunissimo arrosto che sulle prime fu pure in grado di abbozzare una specie di visione per la nostra organizzazione: l’unico merito che gli riconosco visto che nessuno è stato in grado finora di ripetersi con uguale efficacia seppure con migliori intenzioni.

Ebbene, B.v.H introdusse nella nostra organizzazione il virus del Professional Project Management e R.B., la cellula impazzita, lo propagò approfittando di menti deboli incontrate sul suo cammino come H.G. e soprattutto R.C., che alla fine commise il Sommo Errore e lo assunse a tempo indeterminato.

E fu così che le nostre truppe si recarono alla corte prussiana di R.B. per un training di due settimane (dicasi due settimane, un fatto mai visto né prima né in seguito) sul Project Management.

Annunci

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] Gio 29 Mar 2007 Cicciopasticcio #2: le prime perplessità Posted by pigreco314 under R.B. , Persone  (La prima puntata si trova qui) […]

  2. […] avessero accesso a questo database di Lotus Notes. Se non hai accesso chiedi a R.B.” ovvero Ciccio Pasticcio, che tra l’altro parla anch’egli il sassone moderno. Ora, questo database contiene la […]


Rispondi qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: