Confessioni di un consulente IT

Inconvenient truths

Posted in Management by pigreco314 on 27 febbraio, 2007

Mito #1: “Il processo di calibrazione al termine della fase di talent assessment serve a predisporre un adeguato bilanciamento tra prestazioni e potenziali e a validare la innata tendenza dei manager a sopravvalutare i collaboratori che a loro riportano.”

Verità #1: “Non possiamo collocare un numero eccessivo di collaboratori nel quadrante più elevato del diagramma di talent assessement, top performance – top potential: vi immaginate cosa spenderemmo in termini di incremento degli stipendi alla fine dell’anno?”

Mito #2: “Nonostante la nostra Organizzazione metta alla base della propria ragion d’essere le risorse umane, premiare con un riconoscimento ufficiale un collaboratore che sta sostenendo un piano di incremento delle performance non è opportuno perché la cosa potrebbe costituire un messaggio conflittuale inviato al dipendente”

Verità #2: “Un riconoscimento dato a un dipendente sotto performance improvement plan è una grandissima sciocchezza: innanzitutto il top management potrebbe non gradire il fatto che buttiamo via i soldi con dipendenti senza speranza. In secondo luogo, se il piano ha esito negativo, il dipendente non migliora e siamo costretti a licenziarlo, sai quanti soldi ci chiederebbe come buona uscita per il fatto di aver ricevuto un premio?”

Annunci

Rispondi qui

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: